home page Home Page
animali smarriti e trovati Appelli
Moduli per denunce
no alla vivisezione Vivisezione
leggi animali Leggi e Decreti
 Emergenze veterinarie
farmacie veterinarie Farmacie veterinarie
enti associazioni e siti personali Enti e Associazioni
news News
contatti Contatti
links Cerca nel sito
links Links
credits Credits & Banner
difesa animaliDifendiamoli: bestiole smarrite, aiutiamole a tornare in famiglia  

Non sono molte le persone consapevoli del numero smisurato di smarrimenti, furti di animali di proprietà  e ritrovamenti di quelli vaganti che non sono necessariamente abbandonati.
Numerosi gli annunci e le segnalazioni che pervengono al nostro sito web, oltre che da privati cittadini anche da associazioni, gruppi e volontari animalisti per la pubblicazione che avviene sul blog che gestiamo.
 
Per legge, durante le uscite, i cani devono essere sempre condotti al guinzaglio, soprattutto durante il periodo delle prossime festività in cui imperverseranno i botti di Capodanno.
Per il benessere dei nostri piccoli amici e compagni di vita vogliamo rammentare che l'udito di cani e gatti è molto più sviluppato del nostro. Percepiscono i rumori forti ed improvvisi amplificati e li associano a segnali di pericolo fuggendo all'impazzata.

Può accadere che il nostro animale domestico (cane, gatto) si dia alla fuga per altri motivi, quelli ricorrenti vengono attribuiti ad un cancello del giardino o la porta di casa lasciati inavvertitamente aperti, rumori molto forti e improvvisi o, ancora, per rincorrere una cagnetta  in estro o anche per qualsiasi altra cosa abbia attratto la sua attenzione. Può accadere che anche i gatti abituati ad uscire per il solito giretto quotidiano non facciano ritorno per molteplici motivi.
 
A me non accadrà mai...impossibile! Quante volte abbiamo sentito questa frase? Beh...purtroppo accade e anche di frequente, considerando che in meno di undici mesi di attività abbiamo pubblicato oltre 3.620 annunci per animali smarriti e non ancora riportati in famiglia e oltre 2.200 per animali ritrovati per i quali non è tuttora possibile risalire al proprietario.
 
Non è inutile ripetere, per la sicurezza dei vostri animali, che è indispensabile farli microchippare. Il microchip consiste in un circuito integrato idenditificativo dell'animale e del proprietario, della grandezza di un chicco di riso, che viene inoculato nel tessuto sottocutaneo di cani, gatti, o di altri animali da qualunque veterinario abilitato o presso l'Asl veterinaria di zona.

E' assolutamente indolore ed è determinante in caso di contenzioso sulla proprietà degli animali, oltre che estremamente utile in caso di smarrimento o furto degli animali domestici poichè permette ai rifugi, ai canili ed ai centri di lotta al randagismo di restituire più velocemente le bestiole ai loro padroni grazie alle banche dati nelle quali lo stesso animale è registrato.
Qualora doveste trovarvi nella disgraziata condizione di perdere il vostro animale, esiste una linea guida efficace e testata, da attivare nel più breve tempo possibile, atta a consentirvi di riabbracciare quanto prima la vostra bestiola.
 
Ci teniamo a precisare che non sempre un cane vagante è abbandonato, è più che possibile che abbia una famiglia che lo sta cercando disperatamente. Ciò è molto più frequente di quanto si pensi.
E' quindi importante denunciarne il ritrovamento agli organi preposti (
canile civico, Asl servizio veterinario di zona, Polizia Municipale ecc.), segnalarlo alle associazioni animaliste più conosciute, senza prendere nessuna iniziativa personale che possa allontanarlo definitivamente dalla sua famiglia.

Al contrario cittadini troppo zelanti decidono di agire in autonomia e di dare in adozione cani, gatti ritrovati senza aver prima informato gli enti competenti del ritrovamento.
Di queste bestiole si perde ogni traccia, vengono spesso affidate fuori regione ma anche fuori confini italiani, quindi facilmente oggetto di nuovo abbandono, maltrattamento o "peggio!" perchè non saranno MAI effettuati i controlli post affido da parte di chi ha dato in affidamento il cane. E' per questo motivo che NON si deve lasciare nulla di intentato nelle ricerche e agire tempestivamente.

Chiunque smarrisce, ritrova, o subisce il furto di un animale domestico è tenuto a presentare denuncia in forma scritta, entro tre giorni, alle Autorità competenti territorialmente, il nostro consiglio è di provvedere "immediatamente".

Può accadere che pubblici ufficiali si rifiutino di accettare la vostra denuncia demandando ad altre Autorità. Sappiate che per legge non possono farlo, insistete con fermezza e dopo la registrazione del documento fatevene restituire copia debitamente timbrata e datata.
Se non vi viene rilasciata, ma avete solo comunicato verbalmente, è come se non aveste fatto nulla.
In caso di ritrovamento dell'animale da parte di terzi e solo se avete presentato regolare denuncia di smarrimento sarete in possesso dei requisiti necessari per dimostrare davanti alla legge che il cane, gatto o altro animale è vostro e non lo avete abbandonato.

In analisi...occorre procedere denunciando il furto o lo smarrimento ai Carabinieri e/o Questura, al canile (gattile) civico dell'Asl ed alla Polizia Municipale, la quale sarà in grado di fornirvi, qualora lo ignoriate, il recapito del canile comunale/sanitario/municipale. In caso di mancanza di un canile civico di riferimento, lo smarrimento dovrà essere segnalato al Servizio veterinario dell'Asl competente per il territorio.
 
E' molto importante recarsi "personalmente" e con cadenza periodica presso tutte le strutture di ricovero che conoscete, pretendete di vedere gli animali e non accontentatevi della sola risposta negativa. Le strutture convenzionate pubbliche e private non possono impedirvi l'accesso durante l'orario d'apertura, se si verificasse tale ipotesi chiedete l’intervento delle Forze dell'Ordine.
N.B. La normativa dispone che ogni canile/rifugio comunichi all'azienda sanitaria locale competente per il territorio di ritrovamento sia il numero che la data di arrivo degli animali ed esponga in modo ben visibile l'orario di apertura al pubblico tramite apposita cartellonistica all'ingresso della struttura
.
 
La segnalazione di smarrimento dovrà essere presentata al Servizio Veterinario dell'Asl di zona, ma è consigliabile estenderla alle strutture di accoglienza pubbliche e private delle zone limitrofe ed alle associazioni animaliste e protezionistiche locali.
E' molto utile ai fini del ritrovamento dell'animale pubblicare l'annuncio di smarrimento sui siti web che offrono gratuitamente questo tipo di servizio (ricordiamo tra gli altri l'Enpa alla sezione "cerca-trova" ed APER "animali persi e ritrovati") e su periodici ad inserzioni gratuite.
Lo stesso annuncio può essere inviato anche ad emittenti radio e televisive, giornali e quotidiani locali che hanno rubriche dedicate agli animali e spesso mettono a disposizione uno spazio per annunci gratuiti. In tal modo l'informazione raggiunge un numero maggiore di persone garantendo un passa parola efficace.  
 
Informate immediatamente della sparizione o del ritrovamento i vicini e i negozianti di zona.
Stampate dei volantini, preferibilmente con la foto del cane o del gatto, indicando un numero telefonico attivo per le segnalazioni, la località dello smarrimento/ritrovamento, presenza o meno di tatuaggio/microchip, eventuale sterilizzazione e affiggeteli in modo visibile su entrambi i lati della strada spingendovi oltre il vostro quartiere.
Dovete sapere che i cani spaventati possono percorrere molti chilometri in poche ore.

Altri volantini dovranno essere posizionati in modo visibile nei luoghi di affluenza di pubblico come centri commerciali, uffici postali, parchi pubblici, aree gioco per cani, ambulatori veterinari, distributori di carburante, fermate di bus e metro, banche, scuole, bar e ristoranti, centri per anziani, farmacie ecc.
 
Per i gatti le ricerche sono più impegnative, in quanto i felini terrorizzati tendono a nascondersi anche per giorni senza rispondere ai richiami dei loro proprietari e, oltretutto, possono essere scambiati per gatti liberi. E' bene tornare più volte nei luoghi già ispezionati.
In questa circostanza occorre informare dello smarrimento le gattare che accudiscono le colonie feline e (non vorremmo dirlo!) gli operatori ecologici.
E' superfluo ribadire la necessità di attivare tutte le linee guida sopraccitate.
 
Nel tentativo di fornire un servizio utile abbiamo pubblicato sul sito web gli indirizzi di:
Sul blog, lato destro,  sono stati predisposti due menù a tendina, all'interno dei quali è possibile visionare e stampare tutta la documentazione indispensabile per procedere alle denunce e segnalazioni.
I due menù di riferimento sono:
Per concludere vorremmo sottolineare che chi omette di denunciare il ritrovamento di un cane o altro animale, decidendo di occuparsene presso il proprio domicilio, corre il rischio di essere perseguito per appropriazione indebita, anche se il cane non è provvisto di tatuaggio o microchip.
Ciò nell'eventualità che il proprietario risalga a voi ed esibisca regolare denuncia di smarrimento presentata nei termini previsti dalla legge e sia in grado di fornire elementi particolari identificativi dell'animale.

 

realizzazione siti Web  
cani abbandonativai alla pagina inizialeanimali abbandonati
© 2003 difendiamoli.it - Tutti i diritti riservati. disclaimer
Testi ed immagini presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari, č vietata la riproduzione, anche parziale, del presente documento.

Sito realizzato da Riccardo Romagnoli webdesigner